Dare la possibilità ai bambini rifugiati di accedere all’istruzione scolastica con insegnanti specializzati nel trattare minori che vivono una situazione di assoluta fragilità. Con questo obiettivo dal 26 gennaio al 16 febbraio 2020 l’UNHCR ha lanciato la 4° edizione della campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “Mettiamocelo in Testa. Un bambino rifugiato che non va a scuola non rischia di perdere l’anno, ma la vita”. L’iniziativa si potrà sostenere con un sms o una chiamata da rete fissa al numero solidale 45588. Per l’occasione diverse celebrità sono intervenute personalmente con una serie di video-messaggi, ricordando che in tutto il mondo quasi 4 milioni di minori rifugiati non hanno la possibilità di andare a scuola.

Tra i vari testimonial c’è anche Raz Degan che conosce l’UNHCR da diversi anni e che proprio alcune settimane fa è stato a Niamey, in Niger, con l’organizzazione per inaugurare delle strutture sportive per rifugiati finanziate da Fondazione Milan. “Ho deciso di sostenere la campagna perché mi sta a cuore il destino dei rifugiati. Persone costrette a lasciare il loro Paese, la loro casa, a causa di guerre, violenze e persecuzioni. Mi ricordo quando ero bambino la cosa più grande che avevo era il mio sogno di vedere il mondo. Sognare per me era il mio territorio libero, nessuno poteva togliermi il mio sogno. Ma solo attraverso la scuola e gli insegnamenti potevo sognare. Mi ha arricchito dentro, mi ha dato questo privilegio. Nessuno poteva spegnere questa fiamma” dice Degan a Ilfattoquotidiano.it.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Omofobia, il messaggio del calciatore Ekdal: “L’omosessualità è un tabù. I giocatori si nascondono, hanno paura degli insulti”

next
Articolo Successivo

Fedez intervista Cappato: “Affrontiamo l’utilizzo positivo delle droghe per fini terapeutici”. Poi lancia il Congresso per la ricerca scientifica

next