Proteste e rivolte sull’isola greca di Lesbo, dove da alcuni giorni migliaia di richiedenti asilo stanno manifestando contro l’inasprimento delle leggi sul diritto d’asilo e per chiedere il trasferimento sulla terraferma. La polizia ha usato gas lacrimogeni e granate stordenti per allontanare i migranti e sono partite alcune cariche. Più di 25 le persone arrestate. I cortei sono partiti dal campo profughi di Moria al grido di “libertà”, per poi dirigersi verso la zona del porto di Mitilene.

Sull’isola, porta d’Europa per i migranti provenienti dal Medio Oriente, la tensione è altissima. “Esplosiva” l’ha definita il governatore delle isole del Mar Egeo settentrionale Konstantinos Mutsuris. Nell’hotspot di Moria, il più grande dell’isola, le condizioni di vita si sono aggravate dopo l’estate e ora la situazione è al collasso. Basti pensare che di fronte a una capienza di 3500 persone, oggi ne ospita più i 20mila. Le persone si sono sistemate intorno al campo, in tende montate fuori dai cancelli. Si tratta prevalentemente di profughi (tra cui anche decine di famiglie e minori non accompagnati) provenienti da Afghanistan, Siria e Paskistan, tutti bloccati sull’isola in attesa dell’esame della richiesta d’asilo. Valutazione che può durare anche anni.

“Temono di essere deportati in Turchia, con l’inasprimento delle leggi e l’aumento delle domande di asilo respinte”, ha spiegato il direttore del centro per i richiedenti asilo, Marios Kaleas. Il governo greco intanto ha respinto la richiesta per l’introduzione di uno stato di emergenza sulle isole dell’Egeo lanciata dal governatore Moutzouris, e ha introdotto misure per controllare le organizzazioni non governative che assistono i profughi bloccati nei campi, con un decreto approvato ieri in Parlamento. In programma anche la trasformazione degli hotspot esistenti in centri chiusi con al massimo 5-10mila posti

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sud America, il potere della Chiese cristiane qui è molto forte. E la politica boliviana lo conferma

next
Articolo Successivo

Angelino Alfano, la famiglia Regeni chiede di “chiarire i suoi rapporti con l’Egitto”: dalla Farnesina allo studio legale che collabora con gli ex vertici di al-Sisi

next