Villetta con ospiti

Restiamo sulla sponda crime, accompagnati dall’umano cerbero Ivano De Matteo nel suo Villetta con ospiti. Il suo noir, scritto in tandem con Valentina Ferlan, propone una confezione visivamente geometrica, hitchcockiana, dai contrasti armoniosi tra toni caldi e algidi, e un’ambientazione nella provincia del nord più borghese e socialmente cannibale, razzista.

Una notte disgraziata, un omicidio accidentale in una villa di benestanti, il piano per aggiustare le cose e i personaggi calamitati intorno all’evento infausto sono la rappresentazione di una lotta di classe selvaggia che, a stilettate d’ipocrisia, li mostra da una parte come incarnazioni dei peccati capitali, dall’altra come animali del bosco che, a pochi passi dal luogo dei fatti, vede scoiattoli, cervi, lupi e cacciatori giocare alla vita e alla morte tra i colori dell’autunno.

Il cast è ricchissimo, la storia corale. Potrebbe spiccare il marito arricchito (Marco Giallini), come il poliziotto (Massimiliano Gallo), ma pesano ugualmente il prete (Vinicio Marchioni) e la moglie borghese (Michela Cescon). Bella rivelazione l’esordiente Monica Billiani e grandi conferme: la Palma d’Oro nel 2012 Cristina Flutur e Bebo Storti, che, da Mai dire Gol al suo teatro civile sull’Eternit, passa con classe cristallina a un personaggio meravigliosamente oscuro.

INDIETRO

Cinque nuove uscite da (non) perdere. Tra cui il ritorno di Aldo, Giovanni e Giacomo

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Almanacco del Cinema, Fellini e Monicelli per guardare al futuro. E Marco Bellocchio annuncia una serie tv su sul sequestro di via Fani

next
Articolo Successivo

Oscar 2020, la sfida a colpi di luce e contrasti tra i maestri della fotografia: c’è anche Lawrence Sher per Joker con Joaquin Phoenix

next