Le vicende della Royal Family continuano a calamitare l’attenzione dei media di tutto il mondo. Una nuova indiscrezione pubblicata dal Sun, che cita diverse fonti, fornisce un nuovo scenario riguardante Meghan Markle e il principe Harry. Elisabetta II, scrive il tabloid britannico, avrebbe offerto alla coppia prima del loro matrimonio “la libertà di vivere senza titoli” ma la futura sposa “era felice di smettere di recitare per diventare un membro della famiglia reale. L’offerta le avrebbe permesso di continuare la sua carriera.”

“La regina sperava che questo avrebbe garantito una transazione graduale alla vita reale”, ha fatto sapere un insider tornando al 2018. Le certezze sono poi cambiate e il finale è noto, venti mesi dopo le nozze da favola i Sussex hanno annunciato il loro ritiro e trattato le condizioni di quella che è stata soprannominata “Megxit”. Non possono, per esempio, usare il titolo di “Sua Altezza Reale”, non sono membri senior dei Windsor e non solo.

La coppia, che nei mesi scorsi è stata più volte descritta come “frustrata” e “isolata“, vive in Canada con il primogenito Archie, che oggi ha otto mesi. Sono “economicamente indipendenti”, c’è chi dunque scommette sulle loro prima uscita pubblica in tv. Chi pensa a un contratto record con Netflix, un nuovo impegno come attrice per Meghan e chi sostiene che sarà una tv americana a portare a casa la loro prima intervista.

Il trasferimento in Canada secondo molti sarebbe stato previsto da tempo. In questi giorni molti hanno notato che Meghan ha indossato abiti già fotografati nel 2017, la Markle non aveva dunque spedito tutto all’indirizzo di Kensington Palace. Per il Daily Mail si sarebbe fatta spedire da Toronto a Vancouver tutti gli oggetti personali, guardaroba compreso, lasciati lì due anni e mezzo fa. “Meghan ha sempre programmato di tornare in Nord America in qualche modo? I due hanno dato alla vita reale una possibilità, ma forse hanno sempre considerato di avere una dimora canadese”, si legge su ET Canada.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Luigi Mario Favoloso, il padre lo difende: “Ci sono voci sul fatto che sia Nina Moric ad aver ferito lui con un coltello”

next