“Non esulteremo se si vincerà, non ci strapperemo i capelli se si perderà: amiamo la nostra terra e speriamo che i nostri concittadini sappiano valutare le notizie vere da quelle false e i modi diversi di fare politica. Noi abbiamo già fatto il nostro”. È questo il bilancio che uno dei fondatori delle Sardine Mattia Santori lancia da Savio, sulla riviera romagnola. Le Sardine si sono date appuntamento per un pranzo proprio qui a pochi chilometri dal Papeete dove si sarebbe dovuto svolgere il bagno collettivo poi annullato a causa del divieto della questura. “Non vogliamo fare polemica, fa un po’ specie quando ti viene tolta una piazza (a Bibbiano) perché non siamo un partito politico e poi ci dicono che rompiamo il silenzio elettorale se ci raggruppiamo in alcuni posti” commenta Santori prima di entrare in trattoria. “Il risultato c’è già stato – conclude Joy, sardina di Parma – lo dimostrano tutte le piazze che abbiamo riempito”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emilia Romagna, Sgarbi: “Voto me per Forza Italia e Marta Collot di Potere al Popolo come presidente. Sì ai Gay Pride coi soldi Regione”

next
Articolo Successivo

Beppe Grillo annulla il tour dello spettacolo “Terrapiattista” in programma da febbraio: “Devo sottopormi a intervento chirurgico”

next