L’inviata di “Striscia la NotiziaErica Cunsolo, in arte “Erica senza K“, è stata aggredita insieme alla sua troupe durante la partita Cosenza-Crotone da un manipolo di parcheggiatori abusivi, arrabbiati perché il tg satirico stava realizzando un servizio proprio su chi controlla i parcheggi fuori dallo stadio San Vito. L’aggressione nei confronti di Cunsolo e le percosse a danno della troupe sono costate a tutti una visita al pronto soccorso. E se non è andata peggio, è solo perché sono prontamente intervenute le forze dell’ordine che hanno riportato l’ordine e poi accompagnato gli inviati di Striscia in ospedale.

“La nostra inviata e due operatori – si legge in una nota del tg satirico di Antonio Ricfci – si trovavano nei pressi dello stadio lunedì sera intorno alle 20,30 per realizzare un servizio sui parcheggiatori abusivi che si affollano nei pressi della struttura sportiva durante le partite. La situazione è degenerata nel giro di pochi istanti, quando Erica ha provato a chiedere spiegazioni ad alcune di queste persone sul loro operato. Uno di loro si è avventato sui nostri collaboratori per evitare di essere ripreso, ha preso per la gola uno dei cameraman e lo ha sbattuto contro alcune auto. Nella colluttazione è intervenuta anche la nostra inviata per cercare di fermare il parcheggiatore infuriato. La diatriba è durata solo pochi minuti. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine in servizio nei pressi dello stadio che hanno bloccato gli aggressori e acquisiranno le immagini realizzate dalla nostra troupe”. La prognosi per i due operatori e per la giornalista è di sette giorni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili