In Italia non lo conoscono in molti, anche se diversi libri sono stati pubblicati. Negli Stati Uniti è stato una guida per tantissime persone per decenni. Professore di psicologia ad Harvard, era stato cacciato con Thimoty Leary per le sue ricerche sugli allucinogeni come via all’espansione di coscienza.

Era poi andato in India in cerca di verità: l’incontro col suo guru gli aveva fatto capire che non occorreva la chimica per crescere spiritualmente. Per decenni ha insegnato, ed è stato un ponte tra la cultura psicologica occidentale e la tradizione del bhakti yoga: sempre con umorismo, sempre aperto sui suoi difetti, la sua profonda umanità, una straordinaria capacità di insegnare con tutto se stesso.

Quella sera del 1981 al Cenacolo a Firenze vennero a sentirlo con me tre studenti da Pistoia, Davide, Gabriella e Luigi, e io sapevo che offrivo a tre adolescenti un incontro speciale. Da anni volevo vederlo, dopo che Piero Ferrucci mi aveva portato Be here and now dagli Usa, dove aveva venduto un milione di copie. Niente male per un libro sugli insegnamenti spirituali. L’ho riaperto poche settimane fa.

La grande occasione venne a Pomaia, in un ritiro con lui di dieci giorni all’Istituto Lama Tzong Khapa. La sera raccontava storie del Ramayana a 160 adulti che diventavano bambini: ancora una, non vogliamo dormire! Humour, totale assenza di prosopopea, onestà: un cercatore spirituale che ti raccontava il suo viaggio. E ti faceva capire che eravamo tutti in viaggio.

Nel mio studio c’è una foto del colloquio con lui, nei giardini di Pomaia: sono di spalle, un po’ curvo, lui sorride e in quei dieci minuti mi parla della psicosintesi e dei miei dubbi esistenziali: le risposte risuonano in me ancora 32 anni dopo.

È accanto alla foto di Assagioli, mi fa compagnia nelle ore di psicoterapia. L’anno dopo in Francia a seguirlo di nuovo, con Patrizia e Massimo Rosselli. Quanto amore. A Pomaia ho incontrato Margo Russell, che ha fondato la Psykosintes Akademin di Stoccolma, dove da tanti anni faccio vedere agli allievi Fierce grace, il video che racconta il suo viaggio da professore di Harvard alla vecchiaia con l’ictus, sempre impegnato a cercare il senso e l’insegnamento della vita.

Leggete i suoi libri, ne vale la pena. Grazie Ram Dass; sono certo che stai ridendo col tuo amato guru, Neem Karoly Baba.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ratzinger, nel giallo del libro sul celibato la verità sta nel mezzo

next
Articolo Successivo

Sono arrivato alla pensione ma non pensavo che la fase complicata si aprisse ora

next