L’appuntamento è facile da ricordare: sabato 18 gennaio alle ore 18. E vale la pena segnarlo in agenda, perché riparte, su Rai3, la ventunesima edizione di ‘Per un pugno di libri‘, il programma che fa sfidare due classi scolastiche su un classico della letteratura. Alla conduzione del programma, per il settimo anno consecutivo, ritroviamo la comica Geppi Cucciari, con il compito di “punzecchiare” i concorrenti e animare la competizione. Accanto a lei Piero Dorfles, vera e propria memoria storica della trasmissione: uno sguardo attento, apparentemente severo, ma sempre pronto a mettersi in gioco e a scherzare. Per un pugno di libri in questi anni è diventato un programma cult. Davanti alle sue telecamere, in più di vent’anni, sono passate scuole provenienti da tutta Italia che hanno letto, discusso, ma anche criticato i libri di volta in volta oggetto della puntata. Un’occasione per far uscire i personaggi noti dalle pagine, per ritrovare classici che hanno fatto parte della nostra infanzia, ma anche per far nascere la curiosità, magari, di riscoprire quei volumi che aspettano da anni sugli scaffali. A giocare non sono soltanto gli studenti presenti in studio: da casa, gli spettatori possono partecipare telefonicamente al programma e aggiudicarsi i libri in palio indovinando il titolo di una nota opera letteraria che si nasconde dietro una definizione non di rado bizzarra.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il Coinquilino, c’è una web serie romana che non ha dietro né Netflix né Hbo. Ma è una vera chicca

next
Articolo Successivo

Il Cantante Mascherato batte ancora il Grande Fratello Vip ma si accorcia la distanza. Arisa eliminata (era Il Barboncino)

next