Era il 17 marzo del 2015 e Matteo Renzi era presidente del Consiglio. Alla scuola superiore di polizia, dal palco, pronunciava queste parole: “Le pene per la corruzione devono essere sicuramente aumentate“. E sulla prescrizione che “viene laddove non si prova un fatto corruttivo è un elemento che nega la dignità dello Stato”. Perché, insisteva l’allora segretario del Partito democratico, “è inaccettabile pensare che si possa prescrivere il reato di corruzione“. Oggi, a distanza di cinque anni, il partito di cui Renzi è leader e fondatore, e cioè Italia Viva, si è schierato contro la riforma della prescrizione voluta dal ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. In particolare Iv, in commissione Giustizia, ha votato insieme a Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia contro la soppressione della proposta di legge Costa, che voleva togliere lo stop alla prescrizione dopo il primo grado di giudizio.

Video Youtube/ParlamentoNews

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riace, Salvini in comizio: “Qui la ricchezza non sono i barconi”. La contromanifestazione con Lucano: “Lega non sarà più primo partito”

next
Articolo Successivo

Elezioni suppletive Senato Napoli, il candidato del centrosinistra è il giornalista Sandro Ruotolo

next