Ha esordito in Serie A nel 1993 con la Teodora Ravenna. Sono passati 27 anni ma Francesca Piccini ha deciso che, dopo aver spento 41 candelini appena sei giorni fa, non è ancora arrivato il momento di dire addio alla pallavolo: l’ex azzurra è da oggi ufficialmente una nuova giocatrice della Unet e-work di Busto Arsizio, squadra che milita in Serie A-1. “La società biancorossa accoglie con piacere ed orgoglio la giocatrice toscana, icona della pallavolo italiana, che sceglie proprio la UYBA per il suo clamoroso ritorno al volley giocato”, si legge in un comunicato diffuso sul sito del club.

Piccinini, infatti, dopo aver vinto la settima Champions League di volley con Novara, a settembre aveva annunciato il suo ritiro. Non sono passati nemmeno 4 mesi e l’atleta di Massa Carrara ha già deciso che senza la pallavolo ancora non può stare: “Ho grandi obiettivi e stimoli, l’entusiasmo è quello della ragazzina che esordì in serie A a 14 anni. Sono pronta ad accogliere questa sfida insieme a un club che ho sempre stimato molto. Ci divertiremo, ve lo prometto!”, ha commentato la campionessa.

Piccinini svolgerà il suo primo allenamento venerdì pomeriggio alle 16.30 al Palayamamay e sarà a disposizione di coach Lavarini già domenica.

In una precedente versione dell’articolo veniva erroneamente riferito che Francesca Piccinini avrebbe giocato in Serie A-2, dove invece milita un’altra formazione di Busto Arsizio, la Futura Volley Giovani. Ce ne scusiamo con i lettori

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Australia in fiamme, il fumo avvolge Melbourne: gli Open di tennis a rischio. “Ieri si sentiva anche l’odore. Di solito in città aria tersa, ora nebbiosa”

next
Articolo Successivo

Dino Meneghin, il mito del basket italiano compie 70 anni: “Un rimpianto? Non aver giocato in Nba. Lo farò nella prossima vita”

next