“Gli incendi che da settembre stanno devastando l’Australia riportano un bilancio drammatico e inaccettabile. Nel trattato di libero scambio in corso di negoziazione con l’Australia devono essere inseriti obiettivi di sostenibilità e norme di protezione dell’ambiente nel capitolo di sviluppo sostenibile. La Commissione europea deve supportare questi obiettivi anche tramite sanzioni in caso di mancato rispetto“. Lo ha detto l’eurodeputata del Movimento 5 stelle Eleonora Evi, durante la seduta a Strasburgo, proponendo misure più severe per chi non lavora per ridurre gli effetti dei cambiamenti climatici. “Siamo davanti all’ennesimo tassello che si aggiunge alla sempre crescente lista di eventi meteorologici estremi causati dai cambiamenti climatici. Eppure, persino davanti a morte e distruzione, il Primo ministro australiano non solo ha risposto in maniera tardiva agli incendi ma ha anche dichiarato che il suo governo conservatore non rafforzerà le politiche per combattere i cambiamenti climatici. L’Australia -ha ricordato- è il primo esportatore al mondo di carbone ed è stato anche uno dei Paesi che, insieme al Brasile di Bolsonaro, ha maggiormente ostacolato il negoziato sulla conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP 25 tenutosi lo scorso dicembre a Madrid. Non possiamo lasciare alle future generazioni un mondo alla deriva, ecco perché chiediamo all’Unione europea di rispondere ai negazionisti dell’emergenza climatica

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Puglia, Calenda con Renzi: insieme contro Emiliano. E spaccano il centrosinistra in una Regione governata da 15 anni

next
Articolo Successivo

“A 18 anni si potrà votare per il Senato e a 25 essere eletti a Palazzo Madama”. Commissione approva proposta, verso ddl in Aula

next