Decine di pompieri statunitensi hanno raggiunto l’Australia per aiutare i colleghi a combattere gli incendi boschivi che da settembre hanno ucciso almeno 26 persone, distruggendo oltre 2000 case e dimezzando la popolazione di koala. Il National Interagency Fire Center, con sede in Idaho, ha dichiarato di aver assegnato almeno 83 vigili del fuoco in Australia, di cui 37 nel Nuovo Galles del Sud e 44 nella vicina Victoria. Proprio quest’ultimo gruppo, arrivando all’aeroporto internazionale di Sidney, è stato accolto con calore dai cittadini. Un numeroso gruppo ha infatti salutato i vigili del fuoco statunitensi con uno scroscio di applausi, in segno di gratitudine, come ha documentato su Twitter Shane Fitzsimmons, commissario del servizio rurale dei Vigili del fuoco nel Nuovo Galles del sud. È la prima volta dopo dieci anni che un importante gruppo di pompieri degli Stati Uniti viene inviato in aiuto in Australia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francia, 36esimo giorno di sciopero contro la riforma delle pensioni di Macron. I sindacati: “216 manifestazioni in tutto il Paese”

next
Articolo Successivo

Brexit, bocciato il ricongiungimento famigliare dei minori non accompagnati. Governo: “Proteggerli resta nostra priorità”

next