Un denso strato di cenere ricopre tutta l’area attorno al vulcano Taal, nelle Filippine, che si è risvegliato domenica. Migliaia di persone sono state evacuate e centinaia di voli sono stati cancellati in via precauzionale. Taal è un vulcano attivo situato nella regione di Calabarzon, provincia di Batangas, sulla costa occidentale della grande isola di Luzon. Come spiegano gli esperti all’Ansa, la colonna eruttiva sopra il vulcano non c’è più: ciò vuol dire che “questa fase di picco esplosivo è scemata”, ma l’eruzione è ancora in corso e “può evolvere in un’eruzione di tipo esplosivo, finire, o magari dare origine esplosioni violente di acqua e rocce (dette di tipo freatico) che possono andare avanti per un tempo lungo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, “2mila combattenti siriani mandati dalla Turchia a Tripoli”. Il fronte di Haftar ai paesi arabi: “Fermate l’invasione”

next
Articolo Successivo

Russia, così Putin riorganizza le istituzioni per mantenere il potere anche fuori dal Cremlino

next