Il fumo degli incendi che bruciano l’Australia ha avvolto Melbourne, costringendo gli organizzatori dell’Australian Open a sospendere temporaneamente le qualificazioni del torneo. La qualità dell’aria in città è troppo bassa e si attendono ulteriori decisioni nelle prossime ore. “Ieri sera la situazione era un po’ più preoccupante. Si sentiva l’odore del fumo provocato dagli incendi”, ha raccontato un tifoso. “Qui di solito c’è aria tersa, ora nebbiosa”, spiega un altro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Australian Open, malori in campo per il fumo degli incendi: sospesi i match di qualificazione

next
Articolo Successivo

Francesca Piccinini, a 41 anni torna a giocare a pallavolo: in campo in A1 con Busto Arsizio

next