Il fumo degli incendi che bruciano l’Australia ha avvolto Melbourne, costringendo gli organizzatori dell’Australian Open a sospendere temporaneamente le qualificazioni del torneo. La qualità dell’aria in città è troppo bassa e si attendono ulteriori decisioni nelle prossime ore. “Ieri sera la situazione era un po’ più preoccupante. Si sentiva l’odore del fumo provocato dagli incendi”, ha raccontato un tifoso. “Qui di solito c’è aria tersa, ora nebbiosa”, spiega un altro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Australian Open, malori in campo per il fumo degli incendi: sospesi i match di qualificazione

next
Articolo Successivo

Francesca Piccinini, a 41 anni torna a giocare a pallavolo: in campo in A1 con Busto Arsizio

next