A dieci giorni dall’assassinio di Qassem Soleimani Teheran è tappezzata di effigi del generale. Le immagini di Soleimani, considerato un martire da molti iraniani, sono dappertutto. Sui cartelloni pubblicitari, in metropolitana, all’ingresso delle moschee, nei bazar, sulle vetrine dei negozi e sui parabrezza dei motorini. Migliaia di abitanti di Teheran mostrano il volto del generale proprio mentre, a distanza di un mese dalle ultime manifestazioni, molti studenti stanno ritornando in piazza per manifestare contro il governo e contro l’Ayatollah, dopo l’ammissione da parte di Teheran dell’abbattimento dell’aereo della Ukraine International Airlines che ha provocato la morte di 176 persone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nave russa e cacciatorpediniere Usa si incrociano nel Mar Arabico: collisione sfiorata

next
Articolo Successivo

Harry e Meghan, quell’addio alla famiglia reale solleva due questioni su cui riflettere

next