Si chiamerà Nuova Italia la prima lista civica del Paese fondata da persone di religione islamica e con un candidato sindaco musulmano. Succede a Magenta, cittadina di 24.000 abitanti nel Milanese, dove nel 2017 il centrodestra a trazione leghista ha vinto le elezioni comunali, spodestando il Pd.

L’idea di presentarsi alle Amministrative del 2022 nasce dalla volontà di portare avanti una battaglia, cominciata due anni fa: la costruzione di una moschea in città. “La nostra comunità – spiega il portavoce dell’associazione islamica Moschea Abu Bakar, Munib Ashfaq – conta all’incirca 1.500 persone, di cui 500 con cittadinanza italiana e diritto di voto. I fedeli, vista l’insoddisfazione crescente verso il governo cittadino, ci chiedono di impegnarci in politica: da qui l’idea di una lista che ci rappresenti, con un candidato sindaco musulmano, ma aperta anche a persone di altre confessioni religiose. L’edificazione di un luogo di culto resterà la priorità, ma il nostro programma elettorale sarà formato da numerose proposte, tra cui una maggiore attenzione alla manutenzione ordinaria, alla sicurezza e il potenziamento dei servizi sociali”. Altro punto interessante del programma degli islamici sarà l’obbligo, per gli assessori, di rinunciare a qualunque impegno lavorativo esterno per dedicarsi completamente alla macchina comunale, percependo quindi un’indennità più alta.

La guerra con l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Chiara Calati (eletta come membro della società civile, ma di recente passata tra le fila della Lega) inizia nel settembre 2018, quando i musulmani convocarono una conferenza stampa per rivelare quanto sarebbe accaduto un anno prima, a ridosso della campagna elettorale: la Lega cittadina volle incontrarli, stando al loro racconto, per promettere un luogo di culto e un campo da cricket in cambio di voti. A capo di quell’incontro ci sarebbe stato, secondo i musulmani, Simone Gelli, leader leghista e attuale vicesindaco con delega alla Sicurezza. E proprio lui, che da sempre ammette l’esistenza dell’incontro negando però di aver promesso una moschea in cambio di preferenze, nell’estate 2018 prese in mano il regolamento di Polizia locale per attuare alcune modifiche: di fatto si arrivò a impedire agli islamici di pregare riuniti, in barba all’articolo 19 della Costituzione. Da quel momento, le tensioni si acuirono e in quest’anno e mezzo l’associazione Moschea Abu Bakar si è sempre vista negare il permesso per ritrovarsi in un luogo qualsiasi della città per pregare. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il ‘no’ del sindaco nell’agosto 2019. I fedeli musulmani chiedevano di poter utilizzare uno spazio pubblico per celebrare la Festa del Sacrificio ma la giunta, ancora una volta, non ha concesso i permessi necessari. I musulmani, di fronte all’ennesimo diniego, si sono quindi rivolti al Tar, che ha dato loro ragione, obbligando il Comune a trovare un luogo idoneo. La Festa, nonostante le numerose polemiche degli animalisti, è stata celebrata in un clima sereno.

Dopo la sentenza del Tar e dopo che la Consulta, lo scorso dicembre, ha dichiarato “anticostituzionale” la cosiddetta Legge Anti-Moschee varata da Regione Lombardia nel 2015, l’associazione islamica sperava che la giunta di centrodestra iniziasse a tenere una linea più morbida. Invece nulla è cambiato: la precedente amministrazione Pd aveva già individuato nel Piano di governo del territorio l’area per il luogo di culto, ma manca il Piano per le attrezzature religiose. E l’amministrazione comunale, pur di continuare il braccio di ferro, si aggrappa a questo vincolo burocratico, ostinandosi a non varare il Piano.

“Questo accanimento e tutti i problemi irrisolti di Magenta – dichiara il portavoce Ashfaq – ci spingono a impegnarci per servire questa meravigliosa città, che ci ha accolti, presentando una nostra lista. Siamo sostenuti anche da tante persone non di fede islamica: grazie al lavoro svolto in questi anni con il parroco, don Giuseppe Marinoni, la nostra comunità e quella cattolica si sono incontrate, costruendo assieme un percorso di conoscenza e di inclusione”. La Lega magentina, comunque, non teme la discesa in campo degli islamici: “In democrazia siamo tutti liberi di presentarci alle elezioni, ma non nascondo che trovo inquietante la nascita di un movimento a sfondo religioso – dichiara il vicesindaco Gelli (il primo cittadino Calati, contattata due volte nei giorni scorsi, non ha mai risposto) – A Magenta c’è molto da fare e la costruzione di una moschea non può essere il punto centrale di un programma elettorale. Creare una lista caratterizzata dal punto di vista religioso significa ghettizzarsi e chiudersi. Comunque questo nuovo movimento non ci spaventa: i musulmani magentini non ci hanno votati, la Lega non perderà nemmeno un voto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parmitano in videochiamata dallo spazio confessa al premier Conte: “Ho rischiato la vita per dell’acqua nel casco”

next
Articolo Successivo

Ministero dell’Interno, i risparmi dall’addio di Salvini: lo staff di Lamorgese costa 500mila euro in meno di quello extra-large del leghista

next