Un altro pompiere è morto in Australia nei roghi che stanno mettendo in ginocchio il Paese. Si tratta della 26esima vittima dell’emergenza incendi. Da settembre oltre 2mila case sono state distrutte e circa 80mila chilometri quadrati del territorio sono stati devastati dal fuoco. Oltre un miliardo di animali potrebbero essere stati uccisi direttamente o indirettamente dagli incendi. Il governo ha emanato nuovi avvisi di evacuazione e ha invitato i cittadini a lasciare le aree a rischio prima che si ripresenti un picco di intensità di calore, previsto tra mercoledì e venerdì, e con esso il rischio di altri incendi nelle zone più esposte. Le autorità hanno lanciato un appello per il salvataggio di vite umane, esortando gli abitanti delle aree più minacciate ad ascoltare i messaggi di allarme.

Secondo le autorità ci vorranno mesi per risolvere i danni causati dai roghi. Questo è per il Paese uno degli anni più caldi mai registrati, con punte di 42 gradi di temperatura media raggiunte a metà dicembre. Ogni volta che la temperatura è salita è contemporaneamente aumentato il pericolo di incendi mortali. Il Consiglio delle assicurazioni australiano fa presente che sono già state presentate richieste di rimborsi per un valore di quasi 500 milioni di dollari e che la cifra è destinata ad aumentare in modo significativo. Per ora il governo ha stanziato aiuti per 1,4 miliardi di dollari per sostenere un Fondo dedicato alle comunità coinvolte dai roghi. Nel frattempo le autorità hanno accusato 183 persone – tra cui 40 minorenni – di aver appiccato deliberatamente gli incendi boschivi degli ultimi mesi.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Australia in fiamme, muore vigile del fuoco: i colleghi al funerale ballano la haka. Il video

next
Articolo Successivo

Iran, Cnn: “Usa informati prima dell’attacco, Teheran non ha voluto fare vittime”. Il ministro Zarif: “Azione legittima secondo Carta Onu”

next