Non una buona notizia per gli appassionati dei film di James Bond, e più in generale delle supercar made in England. L’Aston Martin, storico “fornitore” delle auto dell’agente 007, naviga in pessime acque: dopo aver diffuso una nota a tinte fosche sui conti del 2019 e sulle prospettive per il 2020, il suo titolo è crollato in Borsa.

Ma andiamo con ordine. Le vetture vendute nel 2019 sono diminuite del 7% rispetto all’anno precedente, fermandosi sotto la soglia delle 6.000 unità (5.809, per la precisione). La casa inglese ha così commentato: “Le sfidanti condizioni commerciali di novembre sono continuate a dicembre nel periodo di picco delle consegne risultando in vendite più basse, costi più alti e margini più bassi”.

A causa di questi risultati non certo lusinghieri, il margine operativo lordo per l’anno passato è stato rettificato: sarà compreso tra i 130 e i 140 milioni di sterline (pari a 153-165 milioni di euro). Un vero e proprio crollo, se si pensa che quello del 2018 era pari a 247 milioni di sterline (290 milioni di euro). Il che ha causato anche la pesante battuta d’arresto alla Borsa di Londra, dove il titolo perde attualmente circa il 10%.

Ma a preoccupare di più è sicuramente la parabola negativa sui mercati finanziari del costruttore inglese, che dall’IPO del 2018 ha perso il 75 per cento del suo valore. L’attuale management conta di uscire da questo pantano economico cercando “potenziali investitori strategici”, come già annunciato il mese scorso. Li troverà? Gli appassionati di James Bond si augurano di si.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carlos Ghosn, “l’ex amministratore Renault-Nissan è fuggito in Libano nascosto nella custodia di uno strumento musicale”

next
Articolo Successivo

CES 2020, alla festa dell’elettronica c’è tanta auto. Ecco le novità – FOTO

next