Non si fa fatica a pensare che questo verdetto venga definito storico. Arriva dal Regno Unito la sentenza che prevede che “il veganesimo etico è in tutto e per tutto paragonabile a una religione o a un credo filosofico, e i suoi seguaci pertanto non possono essere sottoposti a discriminazione sulla sua base, in base all’Equality Act del 2010″.

Il caso, molto atteso dai media come da diverse associazioni, è stato sollevato su ricorso di Jordi Casamitjana, 55 anni, residente a Londra, un impiegato della League Against Cruel Sports, organizzazione benefica a difesa degli animali e contro sport come la caccia alla volpe, alla lepre e al cervo, che lo ha licenziato per aver avanzato obiezioni sul fatto che il fondo pensioni dell’associazione stava investendo in società coinvolte in test sugli animali. Un licenziamento, a suo avviso, dettato dal suo credo filosofico nel “veganesimo etico”. A decidere sulla vertenza è stato infatti il Tribunale del lavoro di Norwich.

La League Against Cruel Sports, da parte sua, aveva respinto le accuse e aveva spiegato di aver licenziato Casamitjana per “cattiva condotta”. I vegani seguono una dieta a base di vegetali, ma i vegani etici provano anche a escludere ogni forma di sfruttamento degli animali, compreso l’utilizzo di indumenti di lana o pelle e di qualsiasi prodotto testato sugli animali. Gli avvocati di Casamitjana erano convinti che il veganesimo etico avesse tutti i requisiti per essere ritenuto un credo filosofico o religioso e per questo protetto dall’Equality Act del 2010, di fatto la legge anti-discriminazione, e il giudice Robert Postle gli ha dato ragione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Soleimani, Trump in un video del 2011: “Barack Obama attaccherà l’Iran perché crede sia l’unico modo per essere rieletto”

next
Articolo Successivo

Soleimani, in un video il momento in cui il missile colpisce il convoglio del generale iraniano

next