Era nell’aria da un paio di settimane, ma è arrivata il primo giorno dell’anno. Gianluigi Paragone è stato espulso dal MoVimento 5 stelle. Il Collegio dei Probiviri, composto da Raffaella Andreola, Jacopo Berti e Fabiana Dadone, ha disposto l’espulsione del giornalista televisivo, candidato ed eletto al Senato alle politiche del 2018. La decisione è già stata comunicata all’interessato e, tra le altre cose, viene motivata anche con il voto espresso in difformità dal gruppo parlamentare sulla legge di bilancio.

Il senatore ha commentato l’espulsione pubblicando su Facebook la foto di una pagina su carta intestata di Palazzo Madama con scritto a penna: “Sono stato espulso dal nulla. C’era una volta il 33%….ora..”.

Paragone era finito all’attenzione dei pribiviri a metà dicembre, cioè dopo il voto contrario alla fiducia posta dal governo sulla legge di bilancio. Intervistato da Agorà, su Rai3, dopo il no alla manovra economica aveva lanciato una stoccata contro Luigi Di Maio: “Ma perché dovete parlare di Di Maio come capo politico? Non ha più il potere del capo politico, ce l’ha solo scritto sul biglietto da visita”.

Parole che avevano sollevato le proteste di alcuni ministri. Quello della Giustizia Alfonso Bonafede aveva bollato quella di Paragone come “un’opinione oggettivamente sbagliata”: “Di Maio è stato riconfermato dai cittadini – aveva spiegato – Ci sono 300 parlamentari circa dei 5 stelle che lavorano dalla mattina alla sera e si rimettono alla maggioranza. Poi c’è chi qualcuno che va nelle trasmissioni un giorno sì e l’altro pure, a dire che non è accordo che poi arriva un punto che uno si chiede: ma se non sono mai d’accordo con questo gruppo, forse non è arrivato il momento di dimettermi e tornare a fare il mio lavoro?”. Il ministro Stefano Patuanelli, invece, aveva ipotizzato l’apertura “automatica di una procedura davanti ai probiviri. Gian Luigi ha sempre espresso le sue opinioni, anche molto radicali. Credo sia sbagliato non esprimere le proprie opinioni, ma non confermare la fiducia al governo”.

La procedura era stata aperta proprio nei giorni in cui Beppe Grillo e Davide Casaleggio erano andati a Roma per incontrare i gruppi parlamentari per un’assemblea straordinaria. A quell’incontro però Paragone non c’era: aveva fatto sapere di essere a cena con alcuni attivisti e, come testimoniano alcuni scatti pubblicati su il Tempo. Al tavolo con lui c’era anche l’ex deputato Alessandro Di Battista. Il giornalista si è gradualmente allontanato dalle posizioni di Di Maio e dei 5 stelle dopo la crisi di governo provocata dalla Lega in estate, e il varo del Conte 2 sostenuto dal Pd. Si era astenuto dal voto di fiducia al nuovo esecutivo, e aveva votato contro la risoluzione sul cosiddetto Salva Stati. Poi ecco il voto contrario alla manovra. “Hanno voluto costruire un movimento basato sul vaffa. Se vorranno cacciarmi, lancerò loro il mio vaffa e gli aggiungerò anche il dito medio. Poi mi opporrò, questo è sicuro. Non gliela renderò facile, dovranno sudare”, aveva detto Paragone qualche tempo fa. Motivando il suo voto contrario alla legge di bilancio in questo modo: “E’ una manovra in cui manca la nostra visione del Paese e non potevo votarla. Dovremmo dare delle risposte a tutti quelli che ci hanno votato, ma non lo stiamo facendo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrade, in Spagna diventano gratuiti 600 km. M5s: “Non rinnovata concessione a società controllata da Atlantia. Farlo anche qui”

next
Articolo Successivo

Sicilia, il “buco” nei conti supera i 7 miliardi. La Regione aumenta gli stipendi a più di 1300 dirigenti e prepara nuove assunzioni

next