Prima torturatore in Argentina, poi professore nel prestigioso Istituto di Alti Studi sull’America latina (Iheal) della Sorbonne-Nouvelle a Parigi. E adesso Mario “Churrasco” Sandoval, agente militare durante la dittatura di Videla, è stato estradato a Buenos Aires. Si è nascosto per 26 anni in Francia, lo stesso Paese che aveva accolto le vittime del regime sanguinario che ha terrorizzato l’Argentina dal 1976 al 1983. Eppure lui era un poliziotto che aveva partecipato alle atrocità dell’Esma, la Scuola di Meccanica della Marina diventata il fulcro della repressione del regime e delle storie dei desaparecidos. Tanto che quel soprannome, “Churrasco”, si riferiva cinicamente alla “griglia” che usava per torturare le vittime.

Secondo le testimonianze, sono 500 i casi in cui è stato coinvolto, eppure la sua richiesta di estradizione è stata accolta per uno solo: quello di Hernan Abriata, studente militante nei giovani peronisti, prelevato da casa sua per quelli che dovevano essere, come aveva detto lo stesso Sandoval al padre del ragazzo, “controlli di routine”. Prima di portarlo via gli aveva tolto l’orologio, consegnandolo alla moglie della vittima, Monica, “per dimostrare che non rubiamo”. Hernan non è più tornato, e di lui è rimasta soltanto una scritta nella cella dell’Esma, con le sue iniziali e una dedica alla compagna: “Monica, ti amo”.

La vita di Sandoval, invece, è proseguita con un passaporto francese tra le mani, l’arrivo a 40 anni a Parigi e il lavoro da docente esterno alla Sorbona dal 1999 al 2005. “Disponibile con gli studenti, addirittura stakanovista”, scrive il Corriere della Sera. Prima ancora aveva insegnato Relazioni internazionali all’Università di Marne-la-Vallée. Come questo sia stato possibile non è chiaro, ma la rivelazione del passato di Sandoval ha spinto la Sorbona nel 2017 a spedire una lettera alla Corte d’Appello di Versailles per chiederne l’estradizione, accolta con sollievo dall’ateneo perché questa vicenda “è un’ombra nella storia della nostra istituzione”. Adesso Sandoval, 66 anni, andrà a processo.

(nella foto la madre Di Hernan Abriata)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Indonesia, bus cade in un burrone a Sumatra per guasto ai freni: 25 morti, 14 feriti

next
Articolo Successivo

Siria, raid russi su Idlib. Osservatorio per i diritti umani: “Morti otto civili, 5 sono bimbi”

next