“Lo hanno accusato di essere razzista e politicamente scorretto. Ma viva Checco Zalone, io lo voglio senatore a vita, non qualche reperto…“. A dirlo, a Chieti, di fronte ai propri sostenitori, è Matteo Salvini, che commenta lo strascico di polemiche seguite all’uscita dell’ultimo film dell’attore e regista barese. Quella che sembra essere una battuta del leader della Lega è comunque in contraddizione con le parole pronunciate, in più di un’occasione, dallo stesso Salvini, favorevole all’abolizione, in Costituzione, dei senatori a vita. L’ultima volta è stata al congresso del Carroccio, a Milano, quando ha detto: “Quando andiamo al governo modifichiamo la Carta e li cancelliamo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Livorno, il museo della mostra su Modigliani non è accreditato in Regione: è senza direttore da luglio. “Così si perdono fondi e visibilità”

next
Articolo Successivo

In politica la competenza non ha cittadinanza

next