“Lo hanno accusato di essere razzista e politicamente scorretto. Ma viva Checco Zalone, io lo voglio senatore a vita, non qualche reperto…“. A dirlo, a Chieti, di fronte ai propri sostenitori, è Matteo Salvini, che commenta lo strascico di polemiche seguite all’uscita dell’ultimo film dell’attore e regista barese. Quella che sembra essere una battuta del leader della Lega è comunque in contraddizione con le parole pronunciate, in più di un’occasione, dallo stesso Salvini, favorevole all’abolizione, in Costituzione, dei senatori a vita. L’ultima volta è stata al congresso del Carroccio, a Milano, quando ha detto: “Quando andiamo al governo modifichiamo la Carta e li cancelliamo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Livorno, il museo della mostra su Modigliani non è accreditato in Regione: è senza direttore da luglio. “Così si perdono fondi e visibilità”

next
Articolo Successivo

In politica la competenza non ha cittadinanza

next