“La nostra è una protesta gentile contro il caro biglietti. Siamo del Sud, viviamo a Milano, e vogliamo tornare a casa senza pagare una follia, così ci siamo auto organizzati”. È partito ieri sera dalla Stazione Centrale, il primo bus “solidale” di studenti e lavoratori fuori sede che volevano tornare a casa per le feste natalizie. L’ideatore è Stefano Maiolica, 25 anni di origine campana, che vive e lavora nel capoluogo lombardo da diversi anni. Tutto nasce da un post sul suo blog Terroni a Milano contro i prezzi eccessivi dei trasporti verso Sud durante le vacanze. Uno sfogo che raccoglie centinaia di commenti e risposte di tanti fuori sede e lavoratori che vivono la sua stessa situazione. “Lì ho capito che dovevamo fare qualcosa – racconta Stefano mentre accoglie gli 87 passeggeri sul bus – e così ho deciso di noleggiare un bus per rendere il viaggio sostenibile per tutti”. Grazie ai tanti sponsor che hanno finanziato l’operazione, i viaggiatori hanno pagato solo una quota simbolica e sono arrivate centinaia di richieste.

“Senza questa opportunità non sarei tornata a casa per Natale – racconta Marica, 28 anni lavoratrice – i voli per Catania si aggiravano sui 300 euro fino all’altro ieri, ma anche prenotando in anticipo i prezzi non sarebbero cambiati”. Una situazione simile a quella di Michele, 24 anni, studente molisano. Nella valigia ha messo barattoli di vetro vuoti pronti per essere riempiti con le conserve di sua mamma: “È un dilemma che viviamo ogni anno quando dobbiamo scendere per le feste comandate, avrei dovuto spendere oltre 300 euro”. Ma l’idea del bus vuole essere anche uno strumento per chiedere al governo di affrontare questo tema: “Non è solo un problema di prezzi, ma anche di disponibilità – attacca Antonio, 29 anni che torna a Cosenza – Il sistema dei trasporti non può reggere tutto il flusso di studenti e lavoratori meridionali che vogliono tornare a casa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo, è di nuovo allerta rossa in Liguria: evacuate aziende e famiglie per frane e allagamenti. Chiusa la A6 tra Savona e Altare

next
Articolo Successivo

Maltempo, passa con l’auto in strada chiusa per allerta meteo: uomo muore travolto dalla corrente in Friuli. Allerta acqua alta a Venezia

next