La facciata di Palazzo Pirelli non sarà illuminata con una scritta a sostegno del prossimo Gay Pride di Milano del prossimo 27 giugno. Lo ha deciso lunedì mattina il consiglio di Regione Lombardia che ha bocciato l’ordine del giorno presentato dal Movimento Cinque Stelle – e votato anche dal Pd – durante la seduta per l’approvazione del bilancio di previsione. “Si tratta di un atteggiamento razzista del centro destra in Consiglio regionale – attacca Marco Fumagalli, capogruppo del M5s in Regione Lombardia – Si trattava di sostenere una manifestazione di democrazia e civiltà che ogni anno sottolinea l’importanza della lotta alla discriminazione e dell’accoglienza. È un atto gravissimo perché va contro alla tutela dei diritti civili”. E aggiunge: “Abbiamo chiesto al consiglio regionale di esprimere semplicemente il loro appoggio. A costo zero. Nessuna richiesta di patrocinio. È evidente, quindi, che in Regione Lombardia regna una maggioranza chiusa“. Per il consigliere Fumagalli il consiglio regionale deve rappresentare tutta la cittadinanza: “Dopotutto se il Pirellone è stato illuminato durante il Family Day (foto in evidenza) perché non deve fare altrettanto per il Gay Pride?”.

Tra chi ha votato contro la proposta anche il consigliere della Lega Massimiliano Bastoni, vicino all’estrema destra milanese, che ha definito il Gay Pride “una baracconata che non rappresenta nemmeno tutti gli omosessuali. Non riteniamo che Regione Lombardia debba pubblicizzare un evento che rappresenta una piccolissima parte della comunità omosessuale. È un semplice spettacolo, un’ostentazione. Non diamo il supporto, dunque, a uno spettacolo che ha poco a che vedere con i diritti civili“. “Spiace, ma proprio non si poteva illuminare il Pirellone per il Gay Pride”, ribadisce il presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi. “Palazzo Pirelli rappresenta tutti, è il palazzo di tutti i cittadini lombardi e non abbiamo mai dato il permesso di illuminazioni a manifestazioni o altro che fossero di parte – continua il presidente del Consiglio lombardo – Di proposte per illuminare il palazzo ne arrivano tante, ma se non hanno un carattere generale, se non c’è un obiettivo o un motivo che rispecchi le sensibilità di tutti, non si può fare. Spiace quindi che i 5 stelle abbiano presentato questo ordine del giorno”.

“Non stupisce, ma dispiace”, commenta il voto contrario Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay. “Purtroppo c’era da aspettarselo dalla Regione Lombardia per le prese di posizione degli anni passati, come quando illuminò con la scritta ‘Family day’ Palazzo Pirelli”. E conclude: “La Lombardia è una regione che viene percepita come la locomotiva del Paese, ma poi non riesce a dimostrare di essere in linea con il resto d’Europa sulla promozione dei diritti civili. Negli ultimi anni Milano ci ha sempre sostenuti, mentre la Regione non riesce a dare sostegno a manifestazioni per l’uguaglianza dei diritti civili dei suoi cittadini”.

Quello di lunedì non è il primo no di Regione Lombardia a iniziative a favore del Gay Pride: l’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale, sempre guidato dal centrodestra, già nel 2017 aveva negato il patrocinio alla marcia dell’orgoglio omosessuale. Una posizione confermata lo scorso anno dal governatore leghista Attilio Fontana, che in un’intervista rilasciata a poco più di un mese dalla sua elezione aveva parlato del Gay Pride come di una “manifestazione divisiva”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Ue come Auschwitz”, anche il Memorial del lager nazista contro la vignetta di “Marione”: “Dolorosa”. Raggi gli revoca l’incarico

next
Articolo Successivo

Pedofilia nella Chiesa. Svolta storica di Papa Francesco: abolito il segreto pontificio per i casi di abusi sessuali del clero

next