Mohammad Ali Najafi, ex sindaco di Teheran, è stato condannato a 7 anni e 8 mesi di reclusione al termine di un processo per l’uccisione della moglie, dopo aver ottenuto, ad agosto, il perdono della famiglia che gli ha evitato la pena capitale. Najafi, secondo quanto reso noto dal suo avvocato, Hamid-Reza Goudarzi, è stato condannato a sei anni e sei mesi per l’uxoricidio e a un anno e due mesi per il possesso illegale di un’arma.

Il 67enne politico riformista era stato arrestato nel maggio scorso per avere ucciso Mitra Ostad, sposata come seconda moglie. A fine luglio un tribunale della Repubblica Islamica lo aveva condannato a morte, secondo l’applicazione della Qesas, la legge del taglione. Ma appena 15 giorni dopo, dietro pagamento del Dieh, il prezzo del sangue deciso con la famiglia della vittima, quest’ultima aveva concesso il perdono che ha salvato la vita all’ex primo cittadino della capitale iraniana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Regno Unito, la campagna pro-Brexit dei Tory ha sgretolato il Muro Rosso laburista: molti collegi ex-Labour hanno votato Johnson

next
Articolo Successivo

Austria, scoprirono 6.500 resti umani vicino al campo di concentramento di Gusen: “Sono di persone deportate”

next