Confessò in tv l’omicidio. L’ex sindaco di Teheran, Mohammad Ali Najafi, condannato a morte per l’uccisione della seconda moglie Mitra Ostad, però è stato perdonato dalla famiglia della vittima e pertanto, in base alla legge islamica in vigore in Iran, non verrà giustiziato. Lo ha annunciato su Instagram il fratello della vittima, Masud Ostad. La notizia è stata confermata dall’avvocato della famiglia.

Secondo l’agenzia Fars, Najafi dovrà ora scontare solo tre anni. Najafi era stato arrestato il 28 maggio scorso dopo aver confessato, in una surreale dichiarazione in televisione rilasciata con la massima calma, di avere ucciso Mitra Ostad, un’attrice da lui sposata come seconda moglie usufruendo della legge che permette la poligamia. Il 30 luglio era stato condannato a morte dopo che la famiglia della vittima aveva chiesto l’applicazione della legge del Taglione (Qesas). Ora, secondo il fratello, la famiglia ha invece concesso il perdono, che permette al condannato di avere salva la vita in base a questa stessa legge. Normalmente ciò avviene dietro al pagamento di un risarcimento, il cosiddetto ‘prezzo del sangue’ (Dieh). Ma in questo caso il fratello ha detto che i familiari non hanno chiesto alcun compenso in denaro. Najafi, 67 anni, laureato in matematica al Massachusetts Institute of Technology, è vicino alle posizioni del presidente Hassan Rohani. In passato è stato anche ministro dell’Istruzione e vice presidente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Suicidio Jeffrey Epstein, sospesi il direttore del carcere di Manhattan e due agenti

next
Articolo Successivo

Turchia, la seconda potenza Nato fa affari con russi e jihadisti. È normale?

next