L’ex sindaco di Teheran ed ex ministro iraniano, Mohammad Ali Najafi, è stato condannato a morte in primo grado per l’omicidio, a fine maggio, della moglie, l’attrice Mitra Ostad. Assassinio che lo stesso Najafi aveva poi confessato in diretta tv adducendo problemi familiari: “Litigavo spesso con mia moglie, volevo divorziare ma lei non era d’accordo, poi oggi mi è partito accidentalmente un colpo dalla pistola e l’ho uccisa”, aveva detto. A dare la notizia della decisione del Tribunale è stato il portavoce della magistratura della Repubblica Islamica, Gholamhossein Esmaili, citato dalla tv di Stato. 

La sentenza è arrivata in poco più di due mesi: Najafi era stato arrestato a maggio dopo essersi costituito confessando di aver ucciso Ostad sparandole all’interno della loro abitazione. Adesso, l’ex ministro del governo guidato da Hassan Rohani potrà presentare ricorso entro 20 giorni. La difesa tenterà di portare alla corte le prove dei presunti tradimenti della moglie, indicati da Najafi come movente dell’omicidio. Secondo le leggi iraniane, infatti, un uomo può uccidere sua moglie se ha le prove di un suo “rapporto illegale”.

Eletto primo cittadino della capitale iraniana nell’agosto del 2017, il 67enne riformista si era dimesso l’aprile seguente dopo le critiche degli ultraconservatori per un video che lo mostrava a una cerimonia dove alcune studentesse avevano ballato.

Foto: Tasnim News Agency

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Primarie Usa 2020, cosa c’è da sapere sui dibattiti del 30 e 31 luglio dei candidati democratici

next
Articolo Successivo

Muro Usa-Messico, tra le sbarre le altalene per far giocare i bambini: le immagini

next