“Panettone e pandoro? Giochi erotici come tanti altri”. Parola di sessuologa. Mickey Rourke e Kim Basinger scansatevi. Arriva la dottoressa Rosamaria Spina. Durante il programma “Genetica oggi” di Radio Cusano Campus la Spina ha ricordato la possibilità di combinare cibo e sesso durante le festività natalizie. La prima variante, secondo la Spina è quella di un “body sushi” con panettone e/o pandoro, “una pratica che consiste nel mettere una ragazza completamente nuda e adagiare del cibo sopra di lei”. Ma attenzione: “Non con la ‘fettona’ di pandoro o panettone appunto ma tagliando a dadini i dolci, aggiungendo un po’ di frutta e impiegando, perché no, della crema spalmabile o della panna così che si viene a creare una combinazione che ben si presta ad adattare il gioco del body sushi per il periodo natalizio”.

Il consiglio della sessuologa è non concentrare necessariamente tutta l’attenzione sui genitali: “Il corpo ha molte zone erogene, come il seno o i glutei per le donne. Pensiamo sempre ad una donna in posizione supina ma potrebbe mettersi a pancia sotto, seguendo le preferenze maschili, con il partner che posiziona i pezzetti di pandoro o di panettone sul suo corpo in un gioco erotico stimolando il proprio gusto in base alla preferenza di un lato A o di un lato B”. L’uso di dolciumi e prelibatezze a coronare il connubio tra pancia e piacere non finisce qui: “Stesso discorso per il torrone, immaginiamolo sbriciolato sul corpo della donna o con l’aggiunta di panna. Piccole aggiunte con consistenze diverse che vanno a creare già a livello di palato sensazioni differenti che aggiunti al contatto con il corpo spingono verso un alto tasso erotico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Acromotofilia, la sessuologa: “C’è chi si eccita con l’alluce valgo, chi con le stampelle e chi si fa amputare arti volontariamente”

next
Articolo Successivo

Sesso, dai rapporti Kinsey a Internet: com’è cambiata la vita quotidiana sotto le lenzuola

next