Si chiama armpit sex o sesso ascellare. Ed è una nuova tendenza nelle pratiche sessuali che si sta gradualmente affermando tra le nuove generazioni. In un film che esce in Italia giovedì 12 dicembre – Ritratto della giovane in fiamme – ne viene proposta perfino una versione lesbica con una mano stretta stretta di una delle due partner che si infila sotto l’incavo ascellare dell’altra partner. Già perché l’armpit sex è un sostituto della penetrazione sia nel rapporto uomo/donna che in quello donna/donna. E può essere definito come l’ultimo gradino di una lunga tradizione del feticismo dell’ascella, altrimenti definito scientificamente come mascalagnia. Una parafilia che si verifica quando una persona è eccitata sessualmente dalla vista o dalla sensazione tattile del contatto con le ascelle. Il web è pieno di forum in cui maschi e femmine pongono domande a sessuologi di ogni angolo del pianeta. Fate una prova e capirete. La domanda ricorrente è: “Dottore sono malata/o?”. Le risposte sono, ovviamente, confortanti.

L’importante, spiegano diversi sessuologi di ogni latitudine del globo, è capire quando la mascalagnia tende a sostituire o a cancellare del tutto il tradizionale rapporto sessuale. Basta andare su qualche motore di ricerca di porno gratuito per capire di cosa stiamo parlando. Si va dal semplice “licking” o leccamento dell’ascella del/la partner fino ad una vera e propria simulazione dell’atto della penetrazione. Spesso la pratica del licking è associata al tickling – ovvero le sedute di solletico con il/la partner sovente immobilizzato/a – ma viene inserita con notevole frequenza anche nei preliminari dell’accoppiamento come elemento da sommare ad altri per arrivare all’apice del rapporto prima dell’orgasmo. In pochi casi c’è perfino l’atto fetish della molletta, o più mollette, agganciate all’ascella del/la partner per poi toglierle rapidamente in un colpo solo per far provare quella piccola dose di dolore necessaria nelle pratiche BDSM. Lo stuzzicare con piacere questa parte del corpo è dovuta al fatto che l’ascella è una zona erogena dalla forte attrazione erotica sia rispetto all’odore che può emanare, sia rispetto alla presenza o meno di una fitta peluria altrettanto stimolante. Non stiamo ora disquisire cosa è preferibile o meno tra le due correnti (depilata o non).

Diciamo che sono entrambe in voga in questo evo moderno in cui la pornografia online ha sdoganato, e in certi casi fatto comprendere, che certe pratiche del sesso sono “normali” e condivise tra luoghi e persone tra le più disparate. Alcuni giorni fa è rimbalzata sui social un’intervista fatta alla sessuologa Rosamaria Spina. La dottoressa parla del forte calo dei rapporti sessuali con penetrazione tra i giovani ed espone le alternative più pratiche del momento. Tra queste annovera anche il sesso ascellare che avviene come sostituzione della penetrazione anale o vaginale. “Questo genere di ‘penetrazione’ porta grande piacere in chi ha una parafilia di questo tipo, un piacere maggiore rispetto ad un rapporto vaginale – afferma la Spina – Le ascelle sono ricche di feromoni che secernono una ricca quantità di odori e questo implementa l’eccitazione. E’ poi un ambiente tendenzialmente umido, simile a quello vaginale, ma non ha tutte quelle implicazioni che ha la vagina, è vista in modo ‘meno minaccioso’ ma altrettanto eccitante e piacevole”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sesso, quando il condom fa flop

next
Articolo Successivo

Acromotofilia, la sessuologa: “C’è chi si eccita con l’alluce valgo, chi con le stampelle e chi si fa amputare arti volontariamente”

next