“Siamo tanti, siamo tantissimi, superiamo i 35mila, ci dicono che siamo 40mila”. Le Sardine, per la prima volta riunite a Torino, hanno riempito piazza Castello. “La città non accetterà mai la Lega e ogni movimento che si ispira al fascismo” hanno detto, tra i cori “Torino non si Lega” e “Bella Ciao”. “In altre piazze si alzano le mani in saluto romano, noi qui lo facciamo per sventolare libri”, ha dichiarato Niccolò Pagani, il professore diventato celebre in Italia perché più volte vincitore del programma L’Eredità. Ai partecipanti era stato infatti chiesto dagli organizzatori di portare con sé un libro. “Crediamo nella cultura – ha concluso – e siamo scesi in piazza per dire che questo linguaggio non ci piace. Non tolleriamo l’odio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Monopattini elettrici come le bici”: un emendamento alla Manovra dà il via libera alla circolazione

next
Articolo Successivo

“Sono razzista e me ne vanto”. Perugia, consigliere comunale leghista pubblica sui social il suo “manifesto” poi si scusa

next