“Siamo tanti, siamo tantissimi, superiamo i 35mila, ci dicono che siamo 40mila”. Le Sardine, per la prima volta riunite a Torino, hanno riempito piazza Castello. “La città non accetterà mai la Lega e ogni movimento che si ispira al fascismo” hanno detto, tra i cori “Torino non si Lega” e “Bella Ciao”. “In altre piazze si alzano le mani in saluto romano, noi qui lo facciamo per sventolare libri”, ha dichiarato Niccolò Pagani, il professore diventato celebre in Italia perché più volte vincitore del programma L’Eredità. Ai partecipanti era stato infatti chiesto dagli organizzatori di portare con sé un libro. “Crediamo nella cultura – ha concluso – e siamo scesi in piazza per dire che questo linguaggio non ci piace. Non tolleriamo l’odio”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Monopattini elettrici come le bici”: un emendamento alla Manovra dà il via libera alla circolazione

next
Articolo Successivo

“Sono razzista e me ne vanto”. Perugia, consigliere comunale leghista pubblica sui social il suo “manifesto” poi si scusa

next