17 vittime, 88 feriti. Era il 12 dicembre 1969. Un attentato terroristico colpì la Banca Nazionale dell’Agricoltura di Piazza Fontana a Milano. L’attacco fu il più grave atto terroristico mai compiuto fino a quel momento in Italia.

Dopo 50 anni un documentario di History, canale 407 di Sky, in onda mercoledì 11 dicembre alle 21,50, prova a ricostruire quella vicenda attraverso le voci dei protagonisti di quegli anni, dei familiari delle vittime, degli studiosi: da Roberto Gargamelli, anarchico indagato per la strage e poi assolto, a Martino Siciliano, all’epoca militante del movimento di estrema destra Ordine Nuovo, dallo storico Mirco Dondi alla giornalista Benedetta Tobagi, dalle figlie di Giuseppe Pinelli, Claudia e Silvia, ai magistrati Ugo Paolillo e Guido Salvini. “C’era una vittima da identificare all’obitorio – racconta Paolo Silva, dell’associazione familiari – E quando ho alzato il lenzuolo era papà, quello che ne rimaneva”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tiziano Ferro, la confessione a Sky: “Un figlio è la cosa a cui penso di più”

next
Articolo Successivo

Sardine, Enrico Letta: “Le sostengo con forza ma non vado in piazza: giusto che vadano i giovani”

next