Il sindaco di Villa Literno, in provincia di Caserta, Nicola Tamburrino è finito agli arresti domiciliari con l’accusa di corruzione e falso ideologico in atti pubblici. Secondo le indagini della Procura di Napoli il primo cittadino ha autorizzato a due imprenditori, anche loro finiti agli ai domiciliari, la costruzione di un centro turistico in cambio di sostegni elettorali. I fatti risalgono alla primavera 2016, nel periodo pre e post elettorale: Tamburrino si era ricandidato alle elezioni comunali ed era riuscito così ad assicurarsi il secondo mandato grazie al sostegno dei due imprenditori. Non solo, secondo quanto emerso dalle indagini dei carabinieri del reparto operativo di Caserta, dietro il rilascio dell’autorizzazione ci sarebbe stato il pagamento di tangenti e l’estinzione di debiti di alcuni esercizi commerciali.

A Tamburrino gli inquirenti contestano anche il pagamento da parte del Comune delle parcelle di un professionista per prestazioni rese a favore dell’ente locale: i pagamenti sono stati ritenuti illegittimi ed effettuati mentre il Comune era in dissesto finanziario. Nell’inchiesta sono coinvolti anche altri dipendenti del Comune, tra cui anche l’ex responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Villa Literno, funzionario poi nel vicino Comune di Frignano, Giuseppe D’Ausilio, e ora agli arresti domiciliari.

Tra gli indagati anche il sindaco del Comune vicino Lusciano: dalle indagini sono emerse le condotte illecite del primo cittadino Nicola Esposito, del suo ex assessore e di altri dipendenti comunali per ottenere dalla Regione l’erogazione dei fondi europei per la realizzazione della rete fognaria. Secondo la Procura, l’appalto sarebbe stato pilotato e sarebbe finito all’imprenditore arrestato per la vicenda di Villa Literno, vero anello di congiunzione tra le due vicende. Per i fatti di Lusciano, le cui indagini hanno richiesto l’intervento dell’Anac, sono in corso numerose perquisizioni da parte dei carabinieri. La Procura aveva chiesto la misura cautelare anche per il sindaco Nicola Esposito, ma il gip Antonella Terzi non l’ha concessa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sardegna, Golfo Aranci dedica una piazza a Cossiga. Opposizione: “Scelta calata dall’alto”

next
Articolo Successivo

Terremoto Mugello, sono circa 600 gli sfollati. In 500 hanno dormito nell’autodromo

next