Un piano di investimento per le attività industriali di FCA dislocate in Italia: è il risultato dell’accordo per sostenere progetti di ricerca e sviluppo firmato dal Ministero dello Sviluppo Economico, dalle regioni Basilicata e Piemonte, da Invitalia e dalla medesima FCA. In particolare, il Governo italiano garantirà alla multinazionale agevolazioni fiscali per l’acquisto di macchinari e impianti. Il contratto fra le parti mette sul tavolo investimenti per circa 137 milioni di euro: di questi, 99 sono destinati allo stabilimento lucano di Melfi e 38 a un progetto di ricerca (35 milioni per il Piemonte e tre milioni per la Basilicata). Il Ministero cofinanzierà 26,4 milioni, mentre 2 milioni arriveranno dalla Regione Basilicata e 1,5 dalla Regione Piemonte.

Come anticipato, l’obiettivo è ampliare la capacità produttiva della fabbrica di Melfi, dove attualmente vengono assemblati veicoli best-seller come Fiat 500X e Jeep Renegade, che presto verranno proposte anche con motorizzazione ibrida plug-in. I rimanenti 38 milioni, come detto, saranno necessari per finanziare il progetto di ricerca “Ricarica”: trattasi dello studio di nuove soluzioni per veicoli 100% elettrici in uno scenario di mercato oltre il 2024, che sarà portato avanti presso i siti della FCA e della CRF (l’ex Centro Ricerche Fiat).

Le attività di ricerca industriale su telaio e batterie avverranno presso il Campus per l’Innovazione di Melfi e coinvolgeranno l’Università della Basilicata. Nell’accordo rientrano garanzie sui livelli occupazionali e produttivi dello stabilimento di Melfi: fra esse il graduale reintegro del personale in esubero temporaneo (3.400 lavoratori, attualmente con contratto di solidarietà) e l’assunzione di 100 persone entro il 2021, che faranno passare la forza lavoro da 7.311 a 7.411 addetti. Tutto ciò, però, è subordinato all’aumento produttivo, ovvero alla domanda di mercato.

Per il ministro Patuanelli “si tratta certamente di un accordo significativo, per l’azienda e per il territorio, per le ricadute dirette e indirette che lo stabilimento ha e perché è uno stabilimento che non farà soltanto automobili ma anche ricerca. FCA si impegna a produrre in Italia nuove tipologie di veicolo, ibrido e elettrico, che vanno nella direzione della transizione ecosostenibile del settore automotive”. Il piano, oltre a fornire “supporto alle imprese per l’innovazione, avrà un importante impatto sia sulla garanzia dei livelli occupazionali, sia sulla formazione dei lavoratori che saranno coinvolti in nuovi metodi di produzione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto elettriche e ibride, IVA agevolata al 4% per i disabili. E l’RC Auto diventa familiare

next
Articolo Successivo

Volkswagen, accusata in Canada per presunta violazione norme emissioni

next