L’Urban rimane il genere musicale più amato. Parola di Spotify che ha stilato la classifica di artisti e brani più ascolti nel 2019. Però c’è qualche sorpresa perché a dominare la classifica dei top artist del 2019, c’è Ultimo, seguito a ruota da Salmo e dal giudice di “X Factor” Sfera Ebbasta. Invece con 65.000.000 di streams, la canzone più ascoltata dell’anno è “E’ sempre bello” di Coez. E non è tutto. Secondo la classifica regionale, emerge che al Sud Italia ha spopolato la hit estiva “Una volta ancora” di Fred De Palma con Ana Mena. Ultimo ha ringraziato i fan su Instagram: “Grazie a tutti voi, un altro nostro risultato pazzesco. Lo dedico a voi, come sempre”. Il cantautore si prepara a tornare alla musica il 13 dicembre con l’inedito “Tutto questo sei tu”.

A livello mondiale invece è Post Malone l’artista più ascoltato dell’anno. Raggiunti nel 2019 6.5 miliardi di streams in tutto il mondo, il rapper e cantante americano è, per la prima volta, in cima alla lista degli artisti più seguiti quest’anno, dopo solo poco più di 12 settimane dal lancio del suo ultimo album, “Hollywood’s Bleeding” (che è anche il secondo album più riprodotto al mondo quest’anno). La canzone più ascoltata dell’anno è di Shawn Mendes e Camila Cabello, “Señorita” ha raggiunto più di 1 miliardo di stream.

Infine proprio questa settimana Spotify ha rivelato una speciale sezione personalizzata: “il 2019 in musica”, che permette agli utenti di scoprire quali sono gli artisti, le canzoni, i generi musicali e i podcast che hanno ascoltato di più nel 2019. Inoltre con la sezione “Un decennio in musica“, ci sono le animazioni grafiche e le statistiche riguardante gli artisti e i podcast che gli utenti hanno scoperto, ascoltato e amato in tutto il decennio. Infine sono disponibili le share card che evidenziano i gusti personali dei fan, da condividere su Instagram, Facebook, Twitter e Snapchat.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Negrita, una storia di successi a 20 anni dal ‘cambiamento’ di Reset

next
Articolo Successivo

Tom Waits compie 70 anni. Il delirio immaginifico di un grande artista in nove punti

next