Vuoi sapere con chi chatti di più su Whatsapp? Ebbene, esiste una funzione nascosta della popolare app di messaggistica che dice nel dettaglio l’esatto numero di messaggi e contenuti foto e video scambiati con ognuno dei nostri contatti in rubrica. Una funzionalità poco conosciuta perché appunto si trova nascosta tra le impostazioni dell’applicazione. Per utilizzarla bisogna entrare nelle impostazioni e andare sulla voce “Utilizzo dati e archivio“. Qui si sceglie l’ultima opzione della lista, ovvero “Utilizzo archivio“: si apre una schermata con tutte le conversazioni dell’utente poste in ordine decrescente in base allo spazio occupato da ogni chat.

Basta poi selezionare le singole conversazioni per visualizzare tutti i dettagli degli scambi con quell’utente, dal numero di messaggi scambiati a quello di gif, foto, video, note vocali, sticker e documenti. E per ogni categoria viene poi fornita anche l’esatta porzione di memoria che occupa. Va sottolineato però che questi dati non sono precisamente esatti dal momento che si basano sullo spazio occupato da ciascuna chat: potrebbe quindi capitare che in cima alla lista ci sia una persona con cui parliamo poco ma con cui abbiamo scambiato numerosi contenuti foto o video, che occupano molta memoria. Potrebbe dunque accadere che una chat in cui si mandano molti messaggi di testo risulti in una posizione più bassa nella classifica perché questi occupano meno spazio. Per lo stesso motivo le conversazioni di gruppo peseranno di più perché contengono messaggi inviati da più utenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emilio Fede, la moglie Diana contro Silvio Berlusconi: “È un ingrato, non vuole avere grane, pensa solo per sé”

next
Articolo Successivo

Stivali Wellington, ecco cosa sono e perché oggi Google gli dedica il suo Doodle

next