Vi è mai capitato di vedere qualcuno in canottiera alla Scala? Che sia successo o meno, il regolamento di sala del prestigioso teatro milanese parla chiaro: “Non sono ammessi spettatori che indossino canottiere o pantaloni corti; in questo caso i biglietti non sono rimborsabili”. Dall’abbigliamento consono agli applausi o fischi a scena aperta, dai commenti sottovoce all’utilizzo dei dispositivi elettronici, le regole per lo spettatore diligente non sono molte. Più che il bon ton e l’etichetta, a irritare pubblico e artisti sono le azioni di disturbo premeditato. Spesso addirittura ostentato. Chattare approfittando del buio, scattare foto di nascosto, controllare il display del telefonino. Lo fanno anche loro, i protagonisti della scena, quando vanno agli spettacoli altrui? Non è dato saperlo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“La Casa di Henriette”, il romanzo di Domenico Barrilà alla ricerca delle proprie radici in un’Europa dove le diversità si mescolano

next
Articolo Successivo

Il Mahabharata dell’induismo diventa una graphic novel. Un incredibile viaggio a fumetti lungo cinquemila anni

next