Ieri Apple ha annunciato le migliori app, software e giochi del 2019. Si tratta di un appuntamento consueto che permette anche di fare il punto sulla qualità raggiunta in ambiente iOS, il sistema operativo di Apple impiegato su iPhone e iPad, macOS e tvOS. Ovviamente è da considerarsi una valutazione di parte: è l’azienda stessa che valuta e seleziona.

“Gli sviluppatori di tutto il mondo ci ispirano con app innovative che hanno il potere di influenzare la cultura e cambiare le nostre vite, e quest’anno è più vero che mai. I vincitori del ‘Best Apps and Games 2019’ dell’App Store riflettono il nostro desiderio globale di connessione umana, creatività e svago”, ha dichiarato Phil Schiller, Senior Vice President of Worldwide Marketing di Apple. “Siamo entusiasti di annunciare un gruppo così diversificato di vincitori dell’App Store nel 2019, dimostrando che design e creatività eccezionali provengono da sviluppatori grandi così come dai piccoli, e da ogni angolo del mondo. Ci congratuliamo con tutti i vincitori e li ringraziamo per aver fatto del 2019 il migliore anno ad oggi per l’App Store”.

Ecco in dettaglio le migliori applicazioni selezionate da Apple per il 2019:

  • App iPhone dell’anno: Spectre Camera (Lux Optics). Una app basata sull’Intelligenza Artificiale che permette a chiunque di scattare foto di qualità a lunga esposizione.
  • App iPad dell’anno: Flow by Moleskine (Moleskine). Una sorta di taccuino digitale che consente di disegnare e fare bozzetti grazie a un’ampia disponibilità di strumenti come “matite in grafite” ed “evidenziatori con punta a scalpello”
  • App Mac dell’anno: Affinity Publisher (Serif Labs). Si tratta di uno strumento di grafica che facilità oggi attività di design grafico: va bene sia per creare un libro che un volantino.
  • App Apple TV dell’anno: The Explorers (The Explorers Network). È una che è stata progettata per supportare la comunità di esploratori, scienziati e artisti che lavorano per un obiettivo comune: creare un “inventario visivo” completo del mondo naturale attraverso foto e video.

Apple ha rilevato nel 2019 un boom degli strumenti digitali per organizzare e personalizzare contenuti multimediali e foto auto-prodotte. Le app che più si sono distinte sono state Anchor (Anchor FM), Unfold (Unfold Creative), Steller (Expedition Travel Advisor), Over (Over, Inc) e Wattpad (Wattpad Corp).

In ambito videoludico hanno lasciato il segno molti titoli che si sono contraddistinti per grafica e design. La lista completa comprende:

  • Gioco iPhone dell’anno: Sky: Children of the Light (thatgamecompany). In questa avventura la protagonista vola attraverso paesaggi mutevoli per aiutare esseri celestiali a ritrovare la via di ritorno verso il cielo.
  • Gioco iPad dell’anno: Hyper Light Drifter (Abylight S.L.). Una reinetrpretazione ricca di azione dei classici giochi di avventura a 16 bit (stile fine anni ’80), fonde l’esplorazione onirica con combattimenti per la sopravvivenza.
  • Gioco Mac dell’anno: GRIS (Devolver / Nomada Studio). Si tratta di un rompicapo platform contraddistinto da una grafica che strizza l’occhio all’arte digitale.
  • Gioco Apple TV dell’anno: Wonder Boy: The Dragon’s Trap (DotEmu). Sviluppato da Lizardcube con la collaborazione del creatore della serie Ryuichi Nishizawa, “Wonder Boy”, l’iconico gioco degli anni ’80, in cui un avventuriero solitario si cimenta nella sfida di una vita.
  • Gioco Apple Arcade dell’anno: Sayonara Wild Hearts (Simogo). Nel 2019, Apple ha ampliato l’App Store con l’introduzione di Apple Arcade, un servizio di abbonamento ai giochi senza pubblicità o acquisti in-app. Fra i 100 titoli offerti il più eclatante è senza dubbio “Sayonara Wild Hearts”, una corsa in moto dalla grafica brillante.

Per quanto riguarda i titoli più apprezzati dagli utenti, nel 2019 fra i più scaricati ci sono stati “Mario Kart Tour” (Nintendo), “Minecraft Earth” (Mojang), “Pokémon Masters” (DeNA Co), “Assassin’s Creed Rebellion” (Ubisoft), “The Elder Scrolls: Blades” (Bethesda) e “Call of Duty: Mobile” (Activision Publishing).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Corsair K63, tastiera con tasti meccanici per gaming e produttività in sconto su Amazon

prev
Articolo Successivo

Facebook agevolerà il trasferimento delle nostre foto su Google Foto

next