“Oggi trasformiamo questo black friday in un block friday perché questo modello di sviluppo va cambiato”. Migliaia di attivisti di Fridays for Future sono tornati in piazza oggi a Milano in occasione del quarto sciopero globale per il clima. Durante il corteo, i giovani hanno attaccato dei cartelli sulle vetrine dei negozi della moda e del Mc Donald di piazza Venezia, mentre davanti al negozio temporaneo di Amazon in San Babila hanno lanciato scatole di cartone: “Non possiamo accettare un modello economico basato sullo sfruttamento della terra e dei lavoratori”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, studenti in corteo per il clima: “Dalla politica solo spot, nessun provvedimento efficace. Decreto clima? Svuotato”

next
Articolo Successivo

Roma, l’emergenza rifiuti non si risolverà a colpi di ordinanze urgenti

next