Centinaia di persone si sono messe in coda allo stadio di Durazzo, in attesa di ricevere il pane attorno alle auto di volontari che portano aiuti. Il campo-tende allestito nei giorni scorsi è praticamente deserto, “sono scappati tutti oggi dopo la scossa”, racconta un ragazzo, mentre altri sfollati lasciano un’altra struttura di emergenza a bordo di pullman e ogni altro mezzo possibile. Il Ministero della Difesa ha reso noto, oggi, che il numero dei morti dopo il terremoto di magnitudo 6.4 è salito a 46.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caruana Galizia, uccidere la giornalista costò 150mila euro. Parlamento Ue in missione per esaminare lo stato di diritto a Malta

prev
Articolo Successivo

Libano, la sfida al potere passa dalle donne. La ‘rivoluzione d’ottobre’ riguarda anche loro

next