“La violenza sulle donne non smette di essere emergenza pubblica e per questo la coscienza della gravità del fenomeno deve continuare a crescere”. E’ il messaggio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. “Le donne – continua il capo dello Stato – non cessano di essere oggetto di molestie, vittime di tragedie palesi e di soprusi taciuti perché consumati spesso all’interno delle famiglie o perpetrati da persone conosciute”. Per questo, continua il presidente, “ogni donna deve sentire le istituzioni vicine”.

A margine dell’inaugurazione del nuovo campus della Bocconi, Mattarella sottolinea che “molto è stato fatto” anche in Italia e il tema “è all’attenzione del legislatore capace di animare singole iniziative e progetti collettivi”. Ma “molto resta ancora da fare“, prosegue il capo dello Stato, e “tutti noi dobbiamo continuare ad adoperarci nella prevenzione del fenomeno, nel concreto sostegno delle vittime e dei loro figli, nella applicazione rigorosa degli strumenti esistenti, nel reperimento delle risorse necessarie e nell’elaborazione di ciò che serve per intercettare e contrastare i segnali del maltrattamento delle donne”.

Mattarella ricorda le parole con cui l’assemblea generale delle Nazioni Unite, vent’anni fa, istituì la Giornata internazionale contro la violenza di genere: “Una sistematica violazione dei diritti umani, ostacolo alla coesione e al pieno sviluppo di una società”. “Sminuire il valore di una donna – conclude il presidente della Repubblica – e non riconoscerne i meriti nella vita pubblica e privata – attraverso linguaggi non appropriati e atti di deliberata discriminazione – rappresentano fattori in grado di alimentare un clima di violenza“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kuwait, la disperata situazione dei ‘bidun’ sta per peggiorare. E l’obiettivo politico è chiaro

next
Articolo Successivo

Violenza sulle donne, danneggiata per la sesta volta la statua in ricordo di Cristina Biagi, uccisa dal marito nel 2013

next