Ringraziamenti pubblici da parte del governatore ligure Giovanni Toti e dei sindaci della provincia di Savona per Daniele Cassol, 56 anni, il vigilante che dopo esser riuscito a fermarsi a pochi metri dall’orlo del baratro creato dal crollo del viadotto sulla A6 Torino-Savona, ha bloccato il traffico autostradale, compreso un pullman con decine di persone a bordo. “Quando sono arrivato c’era una macchina ferma sull’orlo del baratro – ha detto Cassol -. Mi sono fermato e d’istinto sono sceso e ho cercato di bloccare il traffico. Poi sono andato a vedere se ci fossero macchine di sotto. Non avrei esitato a scendere se ci fosse stata una macchina giù. Poi mi sono messo in contatto con le forze dell’ordine”. “La sorte – ha detto Toti – ha voluto che quella frana facesse cadere il ponte, la sorte ha voluto che ci fosse un signore che ha avuto la prontezza di spirito di bloccare tutti gli altri”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Liguria, la procura di Savona indaga sui viadotti della A6. L’esposto: “Strutture degradate con cemento corroso, ferri esposti e consumati”

next
Articolo Successivo

Veneto, polemica per scelte del Teatro Stabile. Il comico Balasso contro il presidente ed ex portavoce di Zaia: “Lega se n’è impossessata”

next