“Heri dicebamus” (‘dunque dove eravamo rimasti’). Usa il latino Marcello De Vito tornando a sedere sullo scranno di presidente dell’aula capitolina dopo la revoca dei domiciliari. “È un piacere e un onore rientrare in quest’aula e ritrovare i colleghi”, ha detto De Vito dopo aver salutato i consiglieri presenti in aula, compresi quelli delle opposizioni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giorgia Meloni, lo scivolone sui social: “Tutti a casa di giovedì i moralizzatori grillini?”. Ma Giuliodori (M5s): “Hai sbagliato piano”

next
Articolo Successivo

Bologna, nasce il “manifesto delle Sardine” anti-Lega: “Cari populisti la festa è finita. Per troppo tempo vi abbiamo lasciato campo libero”

next