“Heri dicebamus” (‘dunque dove eravamo rimasti’). Usa il latino Marcello De Vito tornando a sedere sullo scranno di presidente dell’aula capitolina dopo la revoca dei domiciliari. “È un piacere e un onore rientrare in quest’aula e ritrovare i colleghi”, ha detto De Vito dopo aver salutato i consiglieri presenti in aula, compresi quelli delle opposizioni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giorgia Meloni, lo scivolone sui social: “Tutti a casa di giovedì i moralizzatori grillini?”. Ma Giuliodori (M5s): “Hai sbagliato piano”

next
Articolo Successivo

Bologna, nasce il “manifesto delle Sardine” anti-Lega: “Cari populisti la festa è finita. Per troppo tempo vi abbiamo lasciato campo libero”

next