È stato arrestato con l’accusa di terrorismo e nel suo appartamento hanno trovato fucili d’assalto, mitra e altre armi da fuoco. È così finito in manette a Berlino un siriano di 37 anni che, secondo i primi accertamenti, ha cercato e scambiato informazioni su internet su come costruire una bomba. Online, secondo quanto riferiscono i media locali, ha anche comprato una soluzione di acetone e acqua ossigenata, entrambi necessari per la produzione del triacetontriperossido altamente esplosivo.

La procura di Kalrsruhe ha aperto una inchiesta e i magistrati ritengono che “l’obiettivo delle sue comunicazioni in chat fosse quello di preparare attacchi terroristici. La bomba – hanno aggiunto – sarebbe esplosa in un momento sconosciuto e in una località sconosciuta della Germania. Lo scopo era quello di uccidere e ferire il maggior numero possibile di persone. Si indaga su un possibile atteggiamento radicale islamista dell’uomo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libano, manifestanti bloccano seduta del Parlamento. Banche decidono limiti ai prelievi per evitare la fuga di capitali

next
Articolo Successivo

Julian Assange, archiviata l’indagine per stupro: la Svezia si sfila, resta solo la richiesta di estradizione degli Usa

next