L’assalto della Lega di Matteo Salvini all’Emilia feudo del Pd (e un tempo del Pci) è partito dal Paladozza di Bologna. E’ qui, a due passi dal centro storico, che giovedì 14 novembre si sono radunati i fedelissimi di Salvini per l’evento che ha ufficialmente aperto la campagna elettorale per le regionali del 26 gennaio. La sfida sarà tra Lucia Borgonzoni, ex candidata sindaco di Bologna e oggi senatrice del Carroccio, e il presidente uscente del Pd Stefano Bonaccini. Un nome che i leghisti conoscono bene e sul quale, a sorpresa, non riversano molte critiche. Anzi. “E’ stato un buon amministratore” ammettono tanti in attesa di entrare al palazzetto.

La partita dell’Emilia Romagna, insomma, si gioca più sul piano nazionale. “Non ce l’ho con Bonaccini, ma con il Pd” spiega un elettore leghista mentre aspetta l’inizio del comizio. Il tema dominante, quello che scalda gli animi e ricorre continuamente nei discorsi, è sempre uno: l’immigrazione. C’è chi lo associa alla sicurezza, chi a quello del lavoro: “Più migranti prendiamo e meno posti ci sono per i nostri figli”. E non è un caso infatti che Borgonzoni dal palco abbia citato la questione dell’assegnazione delle case popolari: “Dire che devono andare a chi è qui da più tempo, non è razzismo, ma giustizia”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvini a Bologna: 2mila al corteo dei centri sociali, idranti della polizia sui manifestanti. Gli slogan: “Città non merita chi semina odio”

prev
Articolo Successivo

Bologna, piazza Maggiore piena per la manifestazione anti-Lega: le immagini dall’alto

next