“All’azienda chiederemo di ritirare quello che ha già deciso, che è totalmente inaccettabile, perché avviare lo spegnimento vuol dire pensare di chiudere quell’impianto”. Così Maurizio Landini, numero uno della Cgil, entrando all’ingresso tra sindacati e azienda che si svolge al Mise. “Gli impianti vanno salvaguardati. Per noi è del tutto illegittimo quello che Mittal sta facendo e bene hanno fatto la Procura di Milano e i commissari a ricorrere contro l’azienda perché il Paese non può accettare di perdere l’industria dell’acciaio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Di Maio: “Chi vuole trasformare il Movimento in un partito se ne vada”. Poi l’attacco a Salvini: “Chieda scusa a Ilaria Cucchi”

next
Articolo Successivo

Mose, Casson: “Ci hanno mangiato tutti: da politici al patriarcato”. E su Ilva: “Scudo penale è una scusa. La verità è che la politica ha fallito”

next