La sentenza definitiva è arrivata e due 27enni sono stati condannati per aver ucciso il loro bambino di 5 anni chiudendolo in una gabbia per gatti e gettandogli addosso acqua bollente. È accaduto a Singapore, dove Azlin Arujunah e Ridzuan Mega Abdul Rahman vivevano con il loro figlio. I fatti risalgono al 2016. Stando alle ricostruzioni degli inquirenti, il bambino avrebbe rifiutato di farsi il bagno: i due lo hanno allora chiuso in gabbia, ustionandolo con acqua a temperatura insopportabile. Azlin Arujunah e Ridzuan Mega Abdul Rahman hanno poi lasciato il bimbo nella gabbia per gatti per sei ore. Appena lo hanno portato in ospedale, in fin di vita, sono stati arrestati. Come riporta il Daily Mail, quando il corpo del bambino è stato esaminato, i medici hanno trovato gravissime ustioni oltre ad altri segni di percosse. La coppia ha prima negato ogni responsabilità per poi confessare di aver fatto tutto questo per punire il bambino.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guarda una partita di calcio sullo smartphone mentre è sotto carica: muore fulminato dagli auricolari

next
Articolo Successivo

Sempre più piccioni con le zampe mozzate: la colpa (involontaria)? E’ dei parrucchieri

next