Una tonnellata e 200 chili di cocaina purissima nascosta all’interno di un container di banane. Il porto di Gioia Tauro si conferma uno degli scali principali che la ‘ndrangheta utilizza per il traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Il maxi-sequestro è avvenuto lunedì mattina quando i carabinieri di Reggio Calabria, assieme ai militari del Ros e alla guardia di finanza, hanno scoperto 1176 chili di cocaina occultata in 144 imballi celati in un container frigorifero adibito al trasporto di banane. Il carico, partito dal Sud America e sbarcato a Gioia Tauro, era diretto in Germania.

Non è escluso che la cocaina se non fosse stata scoperta, sarebbe stata recuperata da qualcuno all’interno del porto calabrese prima che il container ripartisse per il nord Europa. A quel punto gli uomini delle cosche l’avrebbero immessa nel mercato e la cocaina avrebbe fruttato oltre 250 milioni di euro ai trafficanti. All’operazione, coordinata dal procuratore di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, hanno partecipato i funzionari dell’Europol e dell’Agenzia delle Dogane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Centocelle, da periferia a quartiere di movida in cui la ‘ndrangheta insidia il clan Senese. “Controllano il territorio e nessuno denuncia”

next
Articolo Successivo

Catania, compra benzina al distributore e incendia l’auto dell’ex compagna: incastrato dalle telecamere

next