Nike non venderà più i suoi prodotti su Amazon. Il colosso dell’abbigliamento sportivo ha deciso di concentrarsi sulla vendita diretta, anche se continuerà a cercare partnership con altri venditori e altre piattaforme. La multinazionale statunitense aveva annunciato un accordo nel 2017 per la vendita di prodotti su Amazon in cambio di politiche più stringenti contro i prodotti contraffatti.

Una separazione che rientra nella revisione della strategia di vendita di Nike, si legge su Bloomberg, e che è successiva all’assunzione del nuovo amministratore delegato John Donahoe, ex Ceo di EBay. L’azienda fa sapere che la scelta di chiudere con la piattaforma di Jeff Bezos arriva anche “nell’ambito della focalizzazione di Nike sull’elevazione delle esperienze dei consumatori attraverso relazioni più dirette e personali”. Il colosso usa precisa inoltre che continuerà “a investire in altre partnership con altri rivenditori, in modo da continuare a servire i nostri clienti nel mondo senza interruzioni”. Per Amazon, che tramite un portavoce ha fatto sapere di non voler commentare, si tratta di un colpo alle sue strategie per corteggiare i grandi marchi. Secondo alcune fonti, la piattaforma era preparata alla decisione della multinazionale.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Juventus, il calcio è un business: vince la squadra con la società più ricca. Finché dura

next
Articolo Successivo

I giganti fin-tech puntano sul cliente, le banche ascoltano ancora il vetusto management

next