Nike non venderà più i suoi prodotti su Amazon. Il colosso dell’abbigliamento sportivo ha deciso di concentrarsi sulla vendita diretta, anche se continuerà a cercare partnership con altri venditori e altre piattaforme. La multinazionale statunitense aveva annunciato un accordo nel 2017 per la vendita di prodotti su Amazon in cambio di politiche più stringenti contro i prodotti contraffatti.

Una separazione che rientra nella revisione della strategia di vendita di Nike, si legge su Bloomberg, e che è successiva all’assunzione del nuovo amministratore delegato John Donahoe, ex Ceo di EBay. L’azienda fa sapere che la scelta di chiudere con la piattaforma di Jeff Bezos arriva anche “nell’ambito della focalizzazione di Nike sull’elevazione delle esperienze dei consumatori attraverso relazioni più dirette e personali”. Il colosso usa precisa inoltre che continuerà “a investire in altre partnership con altri rivenditori, in modo da continuare a servire i nostri clienti nel mondo senza interruzioni”. Per Amazon, che tramite un portavoce ha fatto sapere di non voler commentare, si tratta di un colpo alle sue strategie per corteggiare i grandi marchi. Secondo alcune fonti, la piattaforma era preparata alla decisione della multinazionale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Juventus, il calcio è un business: vince la squadra con la società più ricca. Finché dura

next
Articolo Successivo

I giganti fin-tech puntano sul cliente, le banche ascoltano ancora il vetusto management

next