“Chi frena sulla riforma della Giustizia? Ho già detto che è pronta da un mese ed è giusto che le forze politiche di maggioranza si siano prese del tempo per analizzarla con attenzione. Ma direi che adesso questo tempo è esaurito, non si può più rinviare”. A rivendicarlo il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, a margine di una conferenza stampa nella casa circondariale di Rebibbia a Roma. Tra giovedì e venerdì, quindi, ha annunciato il Guardasigilli, ci sarà un vertice di maggioranza, anche per affrontare il nodo prescrizione, di fronte alle resistenze di Pd e Iv che spingono per rinviare l’entrata in vigore dal 1 gennaio 2020 delle nuove norme (con il rischio di possibili tentativi trasversali tra forze di maggioranza e opposizioni in Aula per bloccarla) o per norme di garanzia: “Io rispetto le posizioni di tutti, partiamo da una opinione differente sulla prescrizione. E abbiamo tutto il tempo affinché la legge abbia effetti soltanto positivi. Però siamo tutti d’accordo sul fatto che bisogna velocizzare i processi. Allora dico: facciamolo”, ha rivendicato Bonafede

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, “pestarono e intimidirono un detenuto di San Vittore per non farlo testimoniare”: 11 agenti rinviati a giudizio

prev
Articolo Successivo

Tangenti Lombardia, nuova ondata di arresti. Domiciliari per l’ex eurodeputata Fi Lara Comi e per l’imprenditore dei supermercati vicino alla Lega

next