“Oggi fai latte, alluminio e legno”: può sembrare la lista della spesa ma in realtà erano gli imprenditori, secondo la Dda di Napoli, ai quali Giovanni Cesarano – presunto braccio destro del boss Luigi Di Martino, detto “il profeta” (in carcere al 41 bis) – doveva chiedere il “pizzo” attraverso il suo factotum. L’intercettazione è negli atti dell’inchiesta giudiziaria della Guardia di Finanza di Castellammare e Torre Annunziata, che ha portato oggi a 20 misure cautelari nei confronti di altrettanti presunti appartenenti al clan Cesarano di Castellammare di Stabia. Giovanni Cesarano (anche lui già in carcere), viene considerato dagli inquirenti il capo degli estorsori del clan: quando viene intercettato è in prova ai servizi sociali. Sta scontando 25 anni di carcere per un omicidio commesso in Germania, quello di Giuseppe Ambruoso. Ogni giorno, alle 8,30, prende servizio come operaio in una ditta che lavora l’alluminio. Ma prima di entrare in servizio si incontra con Falanga e gli fa la lista degli imprenditori, settore per settore, da taglieggiare.

Tra questi figura anche dolfo Greco, l’imprenditore stabiese del latte (finito sotto indagine in un’altra inchiesta, ndr). La figura di Giovanni Cesarano emerge per la particolare prepotenza che usa anche nei confronti dei suoi sottoposti, quelli incaricati di ritirare il “pizzo”. In un’altra intercettazione viene ascoltato dagli investigatori mentre, con l’uomo considerato il suo factotum Aniello Falanga, intimidisce i suoi uomini: “Se ti dico struppialo (riducilo male, ndr), tu vai là e struppialo… se non paghi (gli dice di riferire alla vittima, ndr) ti siedono sulla sedia a rotelle e ne esci con il cucchiaino”. Agli indagati sono contestati i reati di associazione per delinquere di stampo camorristico, estorsione e traffico di sostanze stupefacenti.

Il controllo del territorio da parte dei Cesarano, secondo la magistratura, “è pervasivo e asfissiante”. Il denaro veniva poi impiegato per comprare la droga e per stipendiare gli affiliati e i carcerati. E qui l’altra attività redditizia del clan: i boss di Castellammare di Stabia comprava la cocaina dai “broker” del clan Contini di Napoli, una delle famiglie della cosiddetta Alleanza di Secondigliano, per poi rivenderla nelle sue zone, tra Castellammare, Pompei, Scafati e Santa Maria la Carità, così come ai clan della Piana del Sele, nel Salernitano, come i PecoraroRenna. Quest’ultimi erano i “picchiatori” personali di Cesarano che chiamava quando c’erano da “ammorbidire” con le percosse gli imprenditori che si opponevano al pagamento del pizzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trattativa, il silenzio di Berlusconi è uno schiaffo in faccia a tutti

prev
Articolo Successivo

Matteo Messina Denaro, tre arresti per traffico di droga. Il boss latitante e l’ipotesi di un incontro in stazione a Trapani

next